La Scuola


Scarica il VOLANTINO della VII EDIZONE (2018-19)


CHE COSA È LA SPECOM

Nata da un progetto di Maria Elisabetta Bucci e avviata grazie alla collaborazione di Enrico Bottegal e Luca Bertazzoni, la Scuola SIEM di Pedagogia e Comunicazione musicale (SPECOM) svolge il suo primo anno di corso (2011-12) presso il Conservatorio di Musica “G. B. Pergolesi” di Fermo, come iniziativa approvata nell’ambito dei progetti didattici e di ricerca.
A partire dall’anno 2012-13 la Scuola diventa un progetto autonomo e si sposta a Macerata, trasferendo le proprie attività didattiche in seno alla SIEM-Società Italiana per l’Educazione Musicale, Sezione territoriale di Macerata.

PERCHÉ

È noto a tutti come oggi l’ascolto musicale sia un’esperienza quanto mai diffusa e familiare, a volte pervasiva (quando non addirittura invadente). Proprio a causa di questa straripante offerta, la fruizione della musica appare costantemente insidiata dal rischio della banalizzazione e dello svuotamento di senso. Per vivere l’esperienza musicale con maggiore consapevolezza è necessario restituirle l’originario spazio di risonanza interiore, uno spazio che si estende a comprendere entro i propri confini tanto la sfera emozionale quanto quella intellettuale di ogni individuo.

La Scuola di Pedagogia e Comunicazione musicale nasce dalla volontà di superare le tradizionali prospettive tecnico-teoriche e specialistiche attraverso le quali vengono solitamente indagate le tematiche musicali, per proporre un approccio di più ampio respiro che consenta di cogliere sia i nessi con gli altri linguaggi ed espressioni artistiche, sia la ricchezza estetica e simbolica complessiva della comunicazione musicale.

Sono dunque esclusi gli approcci di tipo tecnico-teorico o puramente tecnologico, così come gli ambiti legati al management o all’industria musicale e dello spettacolo.

PER CHI

Non è necessario essere musicisti per iscriversi alla SPECOM: il corso è rivolto a studenti e laureati di Università, Conservatorio e Accademia di Belle Arti; ma è fruibile anche come corso di aggiornamento per gli insegnanti di tutti i Licei.
Per la intrinseca “fluidità” del suo approccio al fatto musicale, la SPECOM non manca poi di rivolgersi agli operatori culturali, musicali e artistici – oltre che a tutti gli studiosi e cultori della materia.

CHE COSA

Il corpo docente annovera insegnanti e professionisti esperti provenienti da Università, Conservatorio e mondo della Scuola.

Fondamenti di Pedagogia e Comunicazione musicale – Luca Bertazzoni
Percorsi interdisciplinari della musica – Maria E. Bucci
Musicologia Audiotattile – Vincenzo Caporaletti

Musicologia del mondo antico – Filomena Gagliardi
Filosofia della musica – Marcello La Matina
Musica e multimedialitàAndrea Garbuglia (fino al 2016-17)
Estetica musicale – Enrico Bottegal (fino al 2013-14)


I NOSTRI SEMINARI

Dall’anno formativo 2012-13 la nostra attività si è arricchita della prestigiosa collaborazione di nomi quali Adone Brandalise (Università di Padova), Michele Biasutti (Università di Padova), Piero Crispiani (Università di Macerata), Concetto Campo (Centro Tomatis di Verona), Vincenzo Caporaletti (Unversità di Macerata), Franca Ferrari (Conservatorio “Santa Cecilia”, Roma), Massimiliano Stramaglia (Università di Macerata).


LA NOSTRA RIVISTA: I QUADERNI della SPECOM

Dalla collaborazione con l’Università degli studi di Macerata è nata, nel marzo 2014, una nuova collana editoriale diretta da Luca Bertazzoni: i Quaderni di pedagogia e comunicazione musicale.
Nel quinto numero contributi di: Donatella Bartolini, Maria E. Bucci, Laura Della Valle, Franca Ferrari, Filomena Gagliardi.


Siamo sul sito della EUM-Edizioni dell’Università di Macerata:

VIENI A TROVARCI!


.